Perché fare un percorso di Neuro e Psicomotricità? La nostra esperta risponde

Oggi abbiamo chiesto a Marta di raccontarci come funzionano i percorsi di Neuro e Psicomotricità e mostrarci più da vicino quali sono i vantaggi che si hanno nel far fare questa attività al proprio figlio.

Marta, che cos’è la Neuro e Psicomotricità per te?

La Neuro e Psicomotricità è, secondo me, prima di tutto un approccio che considera il bambino nella globalità delle sue caratteristiche e abilità. Infatti, il Neuropsicomotricista valuta nel bambino le competenze già acquisite e quelle emergenti in linea con il suo percorso di crescita e ne favorisce l’integrazione. Questo è il punto di partenza da cui si articola poi il percorso di Neuro e Psicomotricità che può essere di potenziamento, e quindi più orientato alla terapia, oppure incentrato su aspetti educativi o preventivi.

L’obiettivo generale e comune è quello di promuovere uno sviluppo equilibrato ed armonico del bambino.

Quali strumenti usi per valutare un bambino che inizia un percorso con te?

Per me è importante utilizzare alcuni test per avere dei parametri di riferimento sul profilo del bambino e verificare gli obiettivi in maniera oggettiva. Allo stesso tempo, però, mi baso anche sull’osservazione dell’attività spontanea del bambino per capire quali siano le sue abilità, propensioni e preferenze.

Le attività che propongo sono principalmente di gioco, sia esso di esplorazione o strutturato.

La possibilità di osservare e interagire con il bambino mentre gioca, infatti, mi aiuta a raccogliere informazioni su coordinazione motoria, tempi di attenzione, abilità cognitive e sociali, consapevolezza di sé, rispetto delle regole. Come diceva Platone: “Si può scoprire di più di una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione”.

Perché giocare per i bambini è così importante al giorno d’oggi?

Il gioco è un’attività spontanea del bambino. Attraverso il gioco, infatti, scopre se stesso, gli altri e l’ambiente che lo circonda. Il gioco è infatti importante per il bambino perché è la prima forma di apprendimento che utilizza a partire dalle primissime esperienze motorie che compie. Non tutti i giochi hanno però lo stesso valore: il gioco libero, non va confuso con quello pensato e finalizzato. È importante per esempio che il gioco sia adatto al bambino e in particolar modo alla sua età.

Allo stesso modo è fondamentale imparare a scegliere il gioco per il suo significato educativo piuttosto che per la sua attrattività.

Marta, quali sono i punti fondamentali che guidano il tuo lavoro?

Una delle cose fondamentali che tengo presente nella progettazione di un percorso neuro e psicomotorio è il progetto va costruito partendo da quelle che sono le potenzialità del bambino. La prima domanda che pongo ai genitori è: “Cosa piace fare al bambino?”

Inoltre il mio focus non è rivolto solo al bambino, ma anche alla famiglia e all’ambiente che lo circonda. La trasparenza, la chiarezza con i genitori è fondamentale. Lo scambio e la collaborazione con loro è utile per ottimizzare le risorse e rendere ogni percorso davvero efficace.

Un altro aspetto che ritengo fondamentale è l’attenzione alla relazione: sono profondamente convinta che non si possa non comunicare.

Anche i bambini con con grandi difficoltà possono comunicare e relazionarsi, magari con oggetti, sguardo, corpo. È quindi per me importante mettersi nella posizione di ascoltare e capire davvero cosa vuole dirmi ciascun bambino e cercare di instaurare una buona relazione con lui.

Quali sono, gli aspetti che ti piacciono di più del tuo lavoro?

Quello che più amo nel mio lavoro è la possibilità di essere creativa. Ogni attività, ogni strategia non è mai unica, ma va sempre adattata a quelle che sono le caratteristiche e i bisogni di ciascun bambino. Nel mio lavoro sono sempre alla ricerca di nuovi spunti, aggiornamenti, idee.

Questo mi permette di crescere e avere sempre nuovi stimoli.

Considero un privilegio della mia professione quello di avere la possibilità di stabilire una relazione non formale con i bambini.

Infatti, pur non avendo un ruolo alla pari con loro, posso rimanere spontanea nella relazione utilizzando il loro stesso canale comunicativo.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.