Caro Babbo Natale, vorrei più tempo per…

Ci siamo, anche quest’anno è arrivato il periodo di Natale! Noi adulti finalmente ci godiamo un po’ di meritata vacanza e di pausa dal lavoro, bambini e ragazzi non vanno a scuola e sono liberi da attività sportive e appuntamenti settimanali di ogni tipo.
In questo periodo dell’anno però, troppo spesso, invece di rilassarci e sfruttare il tempo per stare assieme, ci stressiamo inutilmente divisi tra mille impegni: cene natalizie, shopping sfrenato e corsa ai regali di Natale.
Addirittura chi è genitore vede come un disagio il fatto che i figli siano a casa tutto il tempo e i pensieri comuni sono “Adesso come li gestisco?”, “Cosa faccio fare loro?”, “ Come sempre la scuola non ci dà tregua dai compiti e ci rovina le vacanze!”
In realtà, il periodo delle feste ci può offrire l’occasione di passare finalmente del tempo di qualità con la nostra famiglia, ritagliando delle ore insieme, condividendo le passioni e tornando magari anche un po’ bambini.
Durante l’anno, infatti, il tempo a disposizione da trascorrere in famiglia si riduce a qualche ora nell’ arco della giornata, in cui siamo comunque presi dalle quotidiane faccende domestiche o da malumori e pensieri di lavoro.
Perché quest’anno non impariamo a dedicare del tempo a noi stessi e alla nostra famiglia? Basta poco! Anzi, vi dirò di più: BASTA VOLERLO!
Ad esempio, quando siamo a casa assieme, perché non spegniamo i telefoni per qualche ora e ci godiamo la compagnia reciproca senza distrazioni, dedicandoci dei veri momenti di ascolto?
E’ evidente che oggi la tecnologia e il mercato ci spingono sempre di più a vivere secondo ritmi e tempi virtuali: siamo sempre connessi e disponibili, vogliamo ottenere tutto e in fretta, con un semplice click. Ma non tutto si deve fare velocemente come ci ha abituato a pensare la società dei consumi e della tecnologia.
Possiamo imparare a sfruttare il tempo delle vacanze per riappropriarci in famiglia di ritmi più lenti.
Durante l’anno, ad esempio, ognuno ha orari diversi e diventa difficile mangiare tutti assieme: sfruttiamo questo periodo natalizio, più libero da impegni, per sederci a tavola tutti alla stessa ora. Può diventare una bella occasione per chiacchierare del più e del meno o fare un tuffo indietro nei ricordi di famiglia. Può anche essere divertente partecipare tutti quanti alla preparazione del pasto.
Non sai come fare a portare avanti le faccende mentre i bambini sono a casa da scuola? I più piccoli possono partecipare con te alle faccende domestiche se trovi il modo di proporlo loro in una modalità divertente: loro lo vivranno come gioco e tu puoi contemporaneamente insegnare loro ad essere più responsabili.
Non sottovalutiamo, oltre a ciò, che anche a scuola, negli ultimi anni, lo sviluppo di competenze ha lasciato sempre più spazio all’esigenza di finire in fretta i programmi stabiliti e di ottenere risultati specifici, dando più focus all’apprendimento di nozioni e informazioni piuttosto che allo sviluppare il piacere della scoperta.
Le vacanze di Natale invece possono diventare l’occasione per riscoprire con i nostri bambini il piacere del gioco, dell’uso della fantasia e dell’immaginazione per imparare con loro a divertirci e ridere: farà star meglio noi e loro, e, oltretutto, ricevere attenzione e affetto farà sicuramente diminuire i capricci e le lamentele.

“E’ il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante” – Antoine de Saint-Exupéry

Centro Archè ti propone una sfida per l’anno 2016!
Quante cose riuscirai a fare insieme alla tua famiglia durante il 2016?
Chiedi in ufficio come partecipare o scrivici a info@centroarche.org per ricevere via e-mail il regolamento della sfida!

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.